The Vigil, un vero e proprio horror sulla veglia funebree un film insolito e accattivante per gli amanti del genere horror-esorcistico-religioso: la storia di un giovane, Yakov, che a distanza dal suo abbandono di una comunità ebraica di cui faceva parte, viene scelto per vegliare il corpo di un membro della stessa.

The Vigil: un horror che farà gola a chi ha amato L’Esorcista e Il Presagio

Arriva The Vigil, vero e proprio horror sulle veglie funebri

Il rabbino Reb Shulem sceglie Yakov, l’attore Dave Davis, noto, tra le altre interpretazioni, per aver partecipato alla serie The Walking Deads, per il ruolo di Shomer: il termine, secondo la tradizione ebraica, indica colui che è incaricato di custodire e vegliare un defunto della comunità, dalla sua morte sino al momento della sepoltura. Il cadavere è quello di un anziano membro scampato alla fine ingiusta e prematura durante la persecuzione antisemita.

Yakov è per così dire un dissidente, non facendo più parte dell’organizzazione religiosa: accetta, seppur non di buon grado, come sostituto di un altro designato inizialmente al compito. Il prescelto iniziale, gli rivela il rabbino, ha rinunciato perché era afraid. Termine che nella versione originale e se tradotto, già prevede un ventaglio piuttosto sinistro di significati. La persona che ha rinunciato all’incarico di cosa era preoccupata? O era terrorizzata? Un film suggestivo riconducibile per temi e situazioni al filone horror legato alle religioni, alle possessioni e, perché no, anche alle credenze e superstizioni, come The Omen (Il Presagio) e l’Esorcista. Anche per il più stoico degli esseri umani non è di certo facile trovarsi in un luogo estraneo, immerso nel silenzio e nel buio accanto al corpo di un uomo deceduto. Per ore. Nel caso specifico, vi assicuriamo che anche Yakov si ritroverà ad essere afraid. Molto.

                                                                                                                                  di Roberta Maciocci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: