L’ultima uscita di luglio per gli amanti del brivido è l’horror ansiogeno The Rental. Il film rappresenta la prima prova alla regia di Dave Franco (conosciuto per aver recitato in Scrubs – Medici ai primi ferri, Now you see me – I maghi del crimine e Nerve).

The Rental: uscita estiva per gli appassionati del thriller

The rental

La prossima uscita estiva per gli appassionati del thriller: The Rental ci mostra come un weekend in un airbnb al mare possa trasformarsi in una vera e propria discesa all’inferno per quattro amici, interpretati da Alison Brie (Scream 4), Dan Stevens (Apostolo), Sheila Vand (A Girl Walks Home Alone at Night) e Jeremy Allen White (Shameless). Il film gioca con tropi già affermati, quali quello della località isolata (Un tranquillo weekend di paura) o del padrone di casa inquietante (qui interpretato da Toby Huss, la cui ultima apparizione nel cinema dell’orrore risale al 2018 con Halloween) ma riesce ad esplorarli da una nuova angolazione.

Recensione The Rental: due parole sul film

Complice anche la formazione di Swamberg, il film si apre come un dramma decisamente “umano” che esplora le relazioni tra i protagonisti e il dolore che volenti o nolenti si finisce con l’infliggere a chi si ama. La sensazione di assistere ad una produzione indie più che ad un film dell’orrore va però scemando dopo la prima mezzora, quando inizia a sentirsi la mano di Franco e il personaggio di  Toby Huss acquisisce importanza dando il via ad una serie di eventi che velocemente sfuggono di mano ai quatto amici.

TI POTREBBE INTERESSARE: Antlers: rinviato al 2021 il film horror prodotto da Guillermo Del Toro

Da qui in avanti la pellicola abbandona il sottile gioco di sospetti e paranoie che ne hanno segnato e si inoltra in un terreno più adrenalinico che rasenta l’home invasion. Questo cambio di marcia però non è brusco, né si avverte alcuno stacco, la componente horror infatti, seppur latente, si avverte fin dalle primissime inquadrature così come la volontà di Franco di dare al film una direzione precisa. The Rental quindi pur appoggiandosi a tropi ormai “classici” della narrativa horror riesce a trovare una sua identità e fa ben sperare per la carriera di Dave Franco, che è riuscito non cadere nella trappola del citazionismo in cui troppo spesso si impantanano gli esordienti che decidono di affrontare il genere. Il regista ha dichiarato inoltre di avere “un’idea forte” per un sequel del film, nel caso The Rental riuscisse a conquistare il pubblico. Non ci resta che sperare.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: