La piattaforma Shudder (AMC networks) ha condiviso il trailer di Random Acts of Violence, l’ultimo lavoro di Jay Baruchel. Il film, tratto dall’omonima graphic novel di stampo slasher scritta da Jimmy Palmiotti e Justin Gray, ha debuttato lo scorso agosto al Fantastic Fest di Austin (TX) e sarà disponibile per il mercato streaming a partire dal 31 luglio per il Canada e dal 20 agosto per quanto riguarda gli USA.

Una prima occhiata allo slasher dell’estate: Random Acts of Violence. Ecco il red band trailer

Quando lo slasher diventa vero: Random Acts of Violence

Chi non vorrebbe trovarsi davanti al protagonista del proprio fumetto preferito?

Di certo non i fan di Slasherman, il fumetto di genere slasher che segue le “imprese” di un maniaco che cela la sua identità dietro una maschera da saldatore. Quello che però distingue il nostro dai protagonisti di altri famosi slasher è che lui esiste veramente, infatti ad un certo punto Slasherman prende vita ed inizia ad uccidere i suoi creatori, i fumettisti Ezra e Todd.

Quella che avete appena letto non è altro che la trama di Random Acts of Violence, il fumetto (realmente esistente) di Palmiotti e Grays che parla del fumetto (fittizio) Slasherman, e dal quale Jay Baruchel ha tratto un film. A questo punto potreste aver perso il filo, e non sarebbe colpa vostra. Quella che propone Baruchel è infatti un’ambiziosa opera “meta” quali ne abbiamo già viste negli ultimi anni (The Cabin in the Woods, per citare una delle più riuscite), un film nel quale l’autore si diverte a giocare con il confine tra realtà e finzione. Ma vediamo più nel dettaglio cosa svela il trailer di Random Acts of Violence, che il servizio di streaming Shudder di recente ha condiviso.

LEGGI ANCHE: Il nuovo trailer dello slasher horror Open 24 Hours è finalmente online

Uno sguardo al trailer

Il trailer si apre mostrandoci Todd Walkley (Jesse Williams), creatore del fumetto Slasherman, presenziare ad un podcast nel quale viene definito “uno degli autori di fumetto più di successo di sempre”, dopo pochi secondi però capiamo che le cose non stanno proprio così. Infatti il Walkley che ci viene mostrato è un uomo in crisi creativa, paralizzato dallo schermo vuoto del suo computer, e visibilmente a disagio davanti ai suoi stessi fan, uno dei quali gli confida di aver trovato in Slasherman “un’ispirazione”. Così il fumettista accompagnato dal suo pubblicatore e da due collaboratrici si ritrova a viaggiare attraverso quella middle-america che ha ispirato il personaggio del suo fumetto alla ricerca di ispirazione, finendo col trovare qualcosa di più che l’idea per un nuovo albo a fumetti: Walkley e il suo entourage si troveranno infatti davanti a Slasherman in carne ed ossa, o meglio, carne e maschera da saldatore.

Il trailer ci mostra quindi un’operazione meta-cinematografica ambiziosa su un genere, lo slasher, che dagli  anni ‘70 ad oggi sembra aver esaurito la sua carica creativa e ci lascia con un interrogativo: riuscirà l’ultimo lavoro di Baruchel a rispettare il livello delle aspettative o rimarrà impantanato nei cliché del genere che prova a decostruire?

di Andrea Sola

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: