il villaggio dei dannati su sky

Il celebre romanzo horror-fantascientifico di John Wyndham “The Midwich Cuckoos” del 1957, noto in Italia come “I figli dell’invasione” ha ispirato ben due film di enorme successo: Il Villaggio dei Dannati del 1960 diretto da Wolf Rilla (molto fedele al romanzo originale) e la versione del 1995 diretta da John Carpenter (che preferì l’ambientazione in North Carolina a quella della periferia britannica). Ora il Villaggio dei Dannati approda su Sky.

il villaggio dei dannati su sky
Il villaggio dei dannati su Sky

Due film che rimasero impressi nella memoria del pubblico soprattutto per l’inquietante presenza di questi bambini coi capelli bianchi ed enormi occhi fiammeggianti, più una pletora di poteri paranormali, nati dopo uno strano atterraggio di un misterioso oggetto argenteo in una città della periferia inglese, da tutte le donne vergini del villaggio che rimasero miracolosamente incinte dopo lo strano evento alieno.

Il Villaggio dei dannati (la serie) approda su Sky

L’inquietante romanzo fantascientifico di Wyndham ritorna in una nuova veste seriale.

Secondo le indiscrezioni di Deadline, per la terza volta “I figli dell’invasione” verrà ripreso da David Farr (scrittore per altre due serie come Hanna e The Manager) e diventerà una serie TV prodotta da Sky e Route 24 in collaborazione con Snowed-In Productions, probabilmente sarà suddivisa in otto episodi. Otto episodi che racconteranno il Villaggio dei Dannati su Sky. Pochissimo si sà ancora sullo sviluppo seriale della trama e di altri dettagli produttivi.

Il  britannico John Wyndham, pur avendo spaziato tra vari generi letterari, è con la fantascienza horror che sbancò l’immaginario collettivo dell’Occidente post seconda guerra mondiale secondo la tradizione letteraria “apocalittica” britannica alla H. G. Wells: tra i suoi romanzi di maggior successo (oltre al già citato “I figli dell’invasione”): dal libro “Il giorno dei trifidi” è stato tratto nel 1962 il film “L’invasione dei mostri verdi”, al romanzo breve “Chocky” del 1968, Considers Her Ways (1964) e Maria (1961), oggetti di numerose trasposizioni televisive nel corso del novecento.

di Christian Di Mauro

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: