Presentato sul mercato virtuale di Cannes proprio questa settimana, No man of God tratta il complicato rapporto tra Bill Hagmaier (Elijha Wood), analista dell’FBI e Ted Bundy. Dopo Ted Bundy: fascino criminale, nel quale l’omicida americano era interpretato da Zac Efron, qui vediamo un’altra parte della storia, Bundy è già stato incriminato e non ha più nulla da perdere.

no man2

No Man of God: cosa si sa sul film con Elijah Wood

Sono proprio Amber Sealey, la giovane regista, e lo sceneggiatore Christopher Robert Cargill (Sinister, Sinister 2, Doctor Strange) a spiegarci che il film si baserà sulle conversazioni avvenute tra il 1986 e il 1989.

Le spaventose registrazioni, di cui alcune parti sono andate distrutte, sono state condivise da Richard A. Duffus, uno studioso del caso di Ted Bundy.

“Dopo avere esaminato il materiale disponibile, sono molto deluso per le registrazioni perse – dice lo stesso Duffus – in considerazione del contenuto di ciò che rimane, tutti noi siamo stati privati di uno sguardo all’interno della mente di questo assassino di inestimabile valore”.

La pellicola avrà luogo unicamente nella stanza degli interrogatori in cui il famoso serial killer ha confessato i suoi efferati crimini, una volta entrato definitivamente nel braccio della morte.

no man3

Ted Bundy e il cinema

Nonostante i numerosi documentari a riguardo, la storia di Ted Bundy continua ad esercitare sugli spettatori, fascino che assomiglia a quello che il vero serial killer sembrava esercitare sulle sue stesse vittime.

Il film distribuito da XYZ e prodotto dallo stesso Elijah Wood con Daniel Noah, Lisa Whalen e Kim Sherman e con Scott Derrickson, Bill Hagmaier, Stacy Jorgensen e Mark Ward nel ruolo di produttori esecutivi, si presenta come una vera e propria sfida, un progetto ambizioso che aspettiamo con ansia di vedere.

La storia di Ted Bundy sarà capace di catturare ancora una volta Hollywood? Non ci resta che scoprirlo.

Marta Frugoni

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: