Il romanzo “Debbi (la strana) ora insegna agli angeli come si pettinano le bambole senza testa” è ora disponibile on demand su Amazon.

Giunge al termine la trilogia di Debbi la strana, creatura dello scrittore Horror Paolo di Orazio che segna la parole fine sulla storia della sua anti-eroina, con “Debbi (la strana) ora insegna agli angeli come si pettinano le bambole”.

Sinossi: In seguito a un’aggressione, Debbi è in coma in polmone d’acciaio mentre il suo corpo astrale fluttua tra i vivi alla ricerca di vendetta. Il maresciallo sensitivo Alfredo Vanacura intercetta il corpo astrale della donna e riesce a catturare il Dottor Sottoterra, un feroce assassino ricercato da tempo. Non prima di aver vagato psichicamente nella vita di Debbi, del serial killer e della propria, in un labirinto sotterraneo di orrori, patti e ricatti. Un horror parapsicologico, capitolo conclusivo della trilogia Debbi [la strana]. Humour nero, violenza estrema e dannazione in una Roma notturna e alienata.

L’autore: Paolo di Orazio, Roma, 1966. Pioniere dello splatterpunk Italiano con l’antologia Primi Delitti (1989), denunciata dal Parlamento per istigazione a delinquere, pubblica racconti, romanzi e fumetti con Granata Press, Addictions, Castelvecchi, Radio Rai, Urania, Sergio Bonelli Editore, «Cattivik», «Heavy Metal», Coniglio editore, Cut Up Publishing, Nicola Pesce, Beccogiallo, Clair de Lune, Rizzoli e Independent Legions. Creatore ed editor della rivista cult «Splatter». Tra le sue pubblicazioni in lingua Italiana: Madre Mostro (1991), Prigionieri del Buio (1992), Il Dipinto Ucciso (1993), Che hanno da strillare i maiali (2009), Vloody Mary (2011), Chiruphènia (2012), Debbi la Strana e le Avventure Bipolari del Coniglietto Ribes (2014), Black & Why (2015), Nero Metafisico (2016), Il Sogno Dormiente (2016), Il Morso dello Sciacallo (2016), Putridarium (2018), col quale ha vinto il Premio Laymon, e Debbi La Strana: Le Avventure Oltranziste nel Ventre della Balena Ginger (2018). 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: